PMC

La terapia sostitutiva dell’ormone della crescita (GHRT) utilizzando l’ormone della crescita umano ricombinante (rhGH) è stata abbracciata da molti professionisti della gestione dell’età come uno dei metodi più efficaci per contrastare la senescenza somatica attualmente disponibile. Tuttavia, il suo uso di routine è stato controverso perché pochi studi clinici sono stati eseguiti per determinare i potenziali rischi della terapia a lungo termine. Inoltre, alcune questioni mediche e legali non sono state risolte, causando ad alcuni professionisti di limitare il loro uso del prodotto. Alcuni di questi problemi includono il fatto che:

  • Il dosaggio errato può portare a effetti collaterali che possono essere gravi in alcuni pazienti,

  • L’iniezione di hGH crea condizioni innaturali di esposizione all’ormone che possono erodere la normale fisiologia,

  • Il Codice dei Regolamenti Federali proibisce specificamente l’uso dell’rhGH negli adulti tranne che per il trattamento dell’AIDS o del deficit di ormone della crescita umano (GHD) diagnosticato secondo le linee guida regolarmente accettate.

Mentre ci sono molte informazioni che dimostrano che la somministrazione a lungo termine di rhGH riduce la malattia intrinseca e allunga la vita negli adulti che soffrono di GHD patogeno, il consenso sul fatto che l’estrapolazione di questi dati alla condizione di invecchiamento sia giustificata non è stato raggiunto (Perls et al 2005). La maggior parte delle preoccupazioni principali derivano dal fatto che rhGH è mitogeno e può risvegliare tumori latenti, che la selezione impropria della dose può promuovere disturbi metabolici come il diabete, e forse che la presentazione farmacologica può esacerbare il declino della funzione endocrina distorcendo le interazioni ormonali essenziali. Naturalmente, tutte queste preoccupazioni sono speculative e non saranno risolte fino a quando non si accumuleranno prove scientifiche sufficienti a favore o contro la GHRT. Nel frattempo, il valore dell’rhGH nella GHRT continuerà ad essere discusso; sfortunatamente basato più su pregiudizi personali che su informazioni oggettive.

Nonostante l’esito finale del “Grande Dibattito Ormonale”, come è stato intitolato negli articoli dei media (Landsmann 2006), alcuni aspetti negativi della GHRT che utilizza l’rhGH non possono essere contestati e giustificano la ricerca di una migliore alternativa. Per esempio, l'”onda quadra” o la presentazione farmacologica dell’ormone esogeno non può essere evitata poiché viene somministrato come bolo, iniezione sottocutanea. Poiché la quantità di rhGH che entra nella circolazione generale non è controllata dai normali meccanismi di feedback, l’esposizione dei tessuti a concentrazioni elevate è persistente e alla fine può portare a tachifilassi e a una ridotta efficacia. Inoltre, poiché il corpo non può modulare l’esposizione dei tessuti al rhGH, il medico è tenuto a “indovinare” il dosaggio appropriato basato su poco altro che le misurazioni del siero del fattore di crescita insulino-simile-1 (IGF-1) e commenti soggettivi del paziente sulle risposte percepite all’ormone. Così, sembrerebbe che un metodo alternativo (s) di GHRT che aggirato questi problemi sarebbe di grande valore fino a quando ha mantenuto gli attributi positivi di rhGH.

Una possibilità che sta ricevendo crescente attenzione è l’uso di secretagoghi GH per promuovere la salute e la funzione ipofisaria durante l’invecchiamento. Un esempio di tali molecole è il fattore di rilascio dell’ormone della crescita 1-29 NH2-acetato, o sermorelin, che recentemente è diventato disponibile per i professionisti per l’uso nella medicina della longevità (Merriam et al 2001). Altre alternative includono peptidi di rilascio dell’ormone della crescita attivi per via orale che sono attualmente in fase di sviluppo da parte di aziende farmaceutiche. Alcuni di questi sono stati segnalati come efficaci nel migliorare le prestazioni fisiche negli anziani (Fahy 2006). Tuttavia, è improbabile che vengano commercializzati per diversi anni. D’altra parte, la sermorelina, un analogo dell’ormone di rilascio dell’ormone della crescita (GHRH) presente in natura, la cui attività diminuisce durante l’invecchiamento, potrebbe attualmente offrire un’alternativa più immediata e migliore al rhGH per la GHRT nell’invecchiamento (Russell-Aulet et al 2001). La molecola è stata prodotta commercialmente e commercializzata per molti anni come alternativa al rhGH per l’uso nei bambini con ritardo di crescita, ma non poteva competere con il rhGH ed è stata ritirata come entità terapeutica dal produttore. Paradossalmente la sermorelina ha fallito come agente di promozione della crescita nei bambini proprio per la ragione che è un’alternativa migliore per la GHRT negli adulti che invecchiano. I bambini con deficit di crescita hanno bisogno di dosi più elevate di ormone della crescita rispetto a quelle che si possono ottenere stimolando la produzione del proprio ormone, mentre gli effetti benefici della sermorelina sulla funzione ipofisaria e la simulazione delle dinamiche di secrezione dell’ormone della crescita giovanile negli adulti anziani hanno poco effetto sul tasso di crescita nei bambini. A differenza del rhGH esogeno che causa la produzione dell’ormone bioattivo IGF-1 dal fegato, la sermorelina simula l’ipofisi del paziente legandosi a recettori specifici per aumentare la produzione e la secrezione di hGH endogeno. Poiché la sermorelina aumenta l’hGH endogeno stimolando la ghiandola pituitaria, ha alcuni vantaggi fisiologici e clinici rispetto all’hGH che includono:

  • Gli effetti sono regolati da un feedback negativo che coinvolge il neuroormone inibitorio, la somatostatina, in modo che, a differenza della somministrazione di rhGH esogeno, è difficile se non impossibile ottenere overdose di hGH endogeno,

  • A causa degli effetti interattivi della sermorelina e della somatostatina, il rilascio di hGH da parte dell’ipofisi è episodico o intermittente piuttosto che costante come con il rhGH iniettato.

  • La tachifilassi è evitata perché il rilascio di hGH ipofisario indotto dalla sermorelina non è ad “onda quadra”, ma simula invece una fisiologia più normale,

  • Sermorelin stimola la trascrizione genica ipofisaria dell’RNA messaggero dell’hGH, aumentando la riserva ipofisaria e quindi preservando maggiormente l’asse neuroendocrino dell’ormone della crescita, che è il primo a cedere durante l’invecchiamento (Walker et al 1994).

  • La recrudescenza ipofisaria risultante dalla sermorelina aiuta a rallentare la cascata del fallimento dell’ormone ipofisario che si verifica durante l’invecchiamento preservando così non solo l’anatomia giovanile ma anche la fisiologia giovanile (Villalobos et al 1997).

Finalmente, c’è la questione della pratica legale. A differenza dell’rhGH che ha restrizioni legali sul suo uso clinico, la prescrizione off-label della sermorelina non è vietata dalla legge federale. Pertanto, può essere attentamente impiegato e valutato dal medico per determinare obiettivamente se fornisce maggiori benefici con meno rischi per i suoi pazienti. A sostegno di questo sforzo, la Society for Applied Research in Aging fornirà sermorelin gratuitamente e su base competitiva ai medici disposti a studiare i suoi effetti in condizioni di protocollo e a riportare i risultati in una rivista con revisione paritaria come Clinical Interventions in Aging. Speriamo che attraverso questi sforzi possiamo contribuire allo sviluppo di un paradigma per la GHRT basata sull’evidenza nella gestione clinica dell’età.

Per maggiori informazioni su questo sforzo e per partecipare al protocollo, [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *